'Excellence from A to Z'

On Valentine’s Day 2022, Zambelli & Partners, a highly specialized employment law boutique, was founded. The Milan firm is true labor of love between Angelo Zambelli, a 35-year veteran of the Italian and US legal worlds, and his close-knit team of partners Barbara Grasselli and Alberto Testi. The Zambelli name has always been a guarantee of quality, and the firm that now bears the moniker stands for supreme attention to detail, a commitment to innovation and strong growth prospects.

Posté le mercredi, octobre 5 2022
'Excellence from A to Z'

Leaders League: How did the decision to found Zambelli & Partners come about and what are its distinguishing features?

Angelo Zambelli: The idea was born and matured during the long period of inertia and uncertainty that was the pandemic. After 10 years at the law firm Grimaldi, I felt the time had come to return to my roots by dedicating myself to a new of the utmost boutique. I talked about it with Barbara Grasselli and Alberto Testi, who immediately embraced the project. The three of us have collaborated extensively over the past 25 years which made it possible to realize this project in a very short space of time: in a month and a half to be precise. News of our firm was greeted very favorably by the market: our peers showed were unanimous in their approval of the decision and every one of our clients decided to follow us. We opened the firm on February 14th, a happy coincidence given the love with which we undertook this project and the passion we bring to our work each and every day. Our priority is to maintain the excellence that has always distinguished us.

We opened the firm on February 14th, a happy coincidence given the love with which we undertook this project

Your career has come full circle: starting with a boutique, passing through a multi-practice outfit and an experience in the United States, and finally opening your eponymous boutique. Tell us a bit about your journey.

The decision to found a boutique under my own name came after 35 years of experience. I started my career in the Toffoletto studio, and then continued in another boutique that immediately attracted the attention of Carnelutti, into which we merged. The firm then merged with McDermott, Will & Emery for a three-year period before reversing the decision. Not agreeing with this choice, I left to found LabLaw together with Luca Failla and Francesco Rotondi. I came up with an innovative name,the first law firm in Italy that was not called after itsfounding partners! Later, after a second stint in the United States, with the firm Dewey & LeBoeuf, I joined Grimaldi, where I spent the last 10 years. I have just turned 60 and the time felt right to put my name to a firm, as I believe the Zambelli brand now carries the requisite weight in the Italian market, and besides I perceive this project as ours from A to Z…  my initials.  

What were the biggest challenges starting a firm of your own?

The main challenge is having to take care of everything, but at the same time that’s what makes it so exciting. With regard to how work’s organized here at Zambelli & Partners, we already had a strong degree of digitalization, which greatly facilitated the move. The approach towards clients and cases remained unchanged. From a structural point of view, it was essential to adopt a system that made processes more efficient and lowered labor costs. There are also very pleasant practical aspects to opening a firm, such as the choice of office furniture and decoration. A new element to opening an office in the modern era is managing marketing and external communication. In multi-practice firms there are special teams that take care of this, whereas in our case everything is managed directly by us, starting with the photos and the logo on the website, right through to the external professionals with whom we choose to collaborate. A big advantage is definitely the small scale, which allows us to have an obsessive level of attention to detail.

How do you create a winning team?

Quality and professional excellence always pay off. Work done with effort, but also passion, is always appreciated. My partners and I are on the same page on this and adopt the same approach. It is also very important to invest in young people, I feel, and treat them as flourishing professionals to be nurtured rather than staff who exist to more senior lawyers. The more experienced partner has the task of guiding, controlling the work and also acting as a lifesaver if necessary. But it’s a two-way street; the commitment of the whole team is crucial for the mechanism to work. Unfortunately, I don't always see in young people the same level of determination and drive as in past generations. We partners are always willing to give 100 percent, and demand the same commitment from everyone.

Quality always pays, work done with effort but with passion is always appreciated.

It’s still year one for Zambelli, but have thoughts started to turn to the medium and long term future of the firm?

With one eye on future expansion, we set up the firm to be able to accommodate twice as many people as it currently houses. The search for new talent is always ongoing and we receive CVs all the time. We are mostly looking for senior professionals with a background in either labor or trade union law, but we do not exclude evaluating more junior profiles. An important attribute in a candidate is certainly linguistic ability as all existing professionals at the firm speak at least Italian and English, with some able to speak several languages. In the medium term we would like to add a Rome office to the studio, in addition to the prestigious Milan office, with the proviso that we  of maintain the same level of quality. Our boutique is, and must remain, a guarantee of excellence.

Given your experience, what do you think is the best structure for a law firm to have?

There is no winning formula, there is lawyering and then there is love for the profession. It is made up of emotions, sensations, feelings. There are times when it is the market opportunities themselves that lead you to some shores and not to others. In a perfect world, partners of identical caliber should be able to interact with each other very well leading to exceptional cross-selling and cross-referral. How come this sometimes does not happen? Well, on the one hand, professional excellence is more a feature of boutique than of multi-practice realities. On the other hand, within multi-practice firms, the chemistry can work very well, and there are plenty of examples of successful multi-practices out there, just as we also see boutiques where there is a high staff turnover. Another element to consider is that not all practices are made to be stand-alone. Some are suited to a boutique set-up, such as labor, tax, Criminal law. The same cannot be said for corporate and M&A, which attract satellite areas, and in fact multi-practice firms often best meet the needs of that core business. With all the variables to take into account, in the end the winning choice is the one that allows one to do one’s job in the best possible way.

 

“L’eccellenza dalla A alla Z”

 

Il 14 febbraio 2022 nasce Zambelli & Partners, boutique giuslavorista altamente specializzata. Con un bagaglio di esperienza di 35 anni acquisito in contesti domestici e internazionali, Angelo Zambelli ha scelto di fondare il proprio studio insieme agli affiatati soci Barbara Grasselli e Alberto Testi. Un progetto che per la prima volta porta il suo nome, garanzia di qualità. Con una squadra sinergica e consolidata, si distingue per estrema cura del dettaglio, innovazione tecnologica e prospettive di crescita.

 

Leaders League: Come è arrivata la decisione di fondare Zambelli & Partners e quali sono i tratti distintivi?

Angelo Zambelli: L’idea é nata ed è maturata durante il lungo periodo di stallo e incertezza della crisi pandemica. Dopo 10 anni nello studio Grimaldi, sentivo che era arrivato il momento di tornare alle origini dedicandomi ad una nuova boutique specializzata. Ne ho parlato con Barbara Grasselli e Alberto Testi che hanno subito sposato il progetto. Il sodalizio di oltre 25 anni che ci accompagna ha permesso di concretizzare il progetto in tempi brevissimi: in un mese e mezzo siamo stati in grado di occuparci di tutto. L’accoglienza del mercato è stata eccellente: i colleghi hanno dimostrato un assoluto gradimento rispetto alla decisione e tutti i clienti ci hanno seguito. Abbiamo aperto lo studio il 14 febbraio, una mera coincidenza ma emblematica dell’amore con cui abbiamo intrapreso questo progetto e della passione con cui svolgiamo ogni giorno il nostro lavoro. La priorità è quella di mantenere l’eccellenza che ci ha sempre contraddistinto

Abbiamo aperto lo studio il 14 febbraio, una mera coincidenza ma emblematica dell’amore con cui abbiamo intrapreso questo progetto.

La sua carriera è stata come un percorso circolare: parte da una boutique, passa per studi multipractice edesperienze negli Stati Uniti, tornando infine alla fondazione di una boutique specializzata, questa volta a suo nome.

La decisione di fondare una boutique con il mio nome arriva dopo 35 anni di esperienza. Ho iniziato la mia carriera nello studio Toffoletto, per poi proseguire in un’altra boutique che ha subito attirato l’attenzione di Carnelutti, in cui siamo confluiti. Lo studio si è poi a sua volta fuso con McDermott, Will & Emery per un triennio, prima di ritornare sui suoi passi come studio italiano. Non condividendo questa scelta, ho fondato LabLaw insieme a Luca Failla e Francesco Rotondi. Mi sono inventato un nome di fantasia (primo studio legale in Italia!) che non identificasse lo studio con i partner fondatori. In seguito, dopo una seconda esperienza americana con lo studio Dewey & LeBoeuf, la compagine italiana dell’epoca ha rifondato lo studio Grimaldi, dove ho trascorso gli ultimi 10 anni. La scelta di utilizzare il mio nome arriva al momento giusto, all’alba dei 60 anni. Sento che adesso il mio nome ha un significato e un peso sul mercato e percepisco questo progetto come nostro dalla A alla Z… le mie iniziali!

Quali sono state le maggiori sfide in questa decisione?

La principale sfida è quella di doversi occupare di tutto, che è allo stesso tempo l’elemento eccitante. Per quanto riguarda l’organizzazione del lavoro, potevamo già contare su un elevato grado di digitalizzazione, che ha notevolmente agevolato il cambiamento. L’approccio nei confronti dei clienti e delle pratiche è rimasto invariato. Sotto il profilo strutturale, è stato fondamentale adottare un sistema in grado di efficientare i processi e abbassare il costo del lavoro. Ci sono anche aspetti pratici molto piacevoli, come ad esempio la scelta del logo o dell’arredamento dello studio, dalle scrivanie fino alle piante. Un elemento nuovo è quello della gestione del marketing e della comunicazione esterna. Negli studi multipractice se ne occupano appositi team, mentre nel nostro caso il tutto viene gestito direttamente da noi, a partire dalle foto e dal sito internet, fino ai consulenti esterni con cui collaborare. Un grande vantaggio è sicuramente la dimensione a scala ridotta, che consente di avere una cura maniacale del dettaglio.

Come si crea una squadra vincente?

La qualità e l’eccellenza professionale pagano sempre. Il lavoro svolto con fatica ma con passione viene sempre apprezzato. I miei soci sono sulla stessa linea e adottano lo stesso approccio. È molto importante anche investire sulle giovani leve, trattandole come professionisti in crescita e non impiegati al servizio dei senior. Il partner con più esperienza ha il compito di guidare, controllare l’operato e fare anche da salvagente se necessario. È fondamentale l’impegno dell’intera squadra perché il meccanismo funzioni. Purtroppo, non sempre vedo nei giovani lo stesso livello di determinazione e di voglia di fare delle generazioni passate. Noi soci siamo disposti a dare sempre il 100%, ma pretendiamo lo stesso impegno da parte di tutti.

La qualità paga sempre, il lavoro svolto con fatica ma con passione viene sempre apprezzato.

Quali sono i progetti nel medio-lungo termine?

Lo studio è in grado di ospitare il doppio dei professionisti attualmente presenti. La ricerca di nuovi talenti è sempre in corso e riceviamo continuamente curricula. Ci onoriamo di occuparci solo di diritto del lavoro e diritto sindacale, al di là di piccoli focus ancillari. Siamo perlopiù alla ricerca di collaboratori senior, ma non escludiamo di valutare profili più junior. Un elemento importante è sicuramente quello linguistico, tutti i professionisti dello studio parlano almeno l’inglese e possibilmente più lingue. Nel medio termine ci piacerebbe aggiungere una sede romana allo studio, oltre alla prestigiosissima piazza di Milano, con l’intento di mantenere lo stesso livello di qualità. La nostra boutique è, e deve rimanere, garanzia di eccellenza.

Ad oggi, quale ritiene sia la miglior struttura per uno studio legale?

Non c’è una formula vincente, ci sono l’avvocatura e l’amore per la professione. È fatta di emozioni, sensazioni, sentimenti. Ci sono volte in cui sono le stesse opportunità del mercato a portarti verso alcuni lidi e non altri. In un mondo perfetto, i soci di identica calibratura dovrebbero poter interagire tra loro molto bene con cross-selling e cross-referral eccezionali. Come mai talvolta non succede? Da una parte l’eccellenza professionale è più una cifra delle boutique che delle realtà plurispecialistiche, e ciò dipende principalmente dal dominus e dalle ridotte dimensioni. Dall’altra, all’interno degli studi professionali multipractice la chimica può funzionare molto bene, e abbiamo esempi vincenti da anni. Allo stesso modo, vediamo anche boutique dove c’è un elevato turnover, mentre grandi studi caratterizzati da stabilità associativa. Un altro elemento da considerare è che non tutte le practice sono stand-alone. Alcune sono adatte, come Lavoro, Tax, Penale. Non si può dire lo stesso per Corporate e M&A, che attraggono aree satellite, ed infatti spesso gli studi più grandi nascono per soddisfare le esigenze di quello specifico core business. Con tutte le variabili da tenere in considerazione, alla fine la scelta vincente è quella che - di volta in volta - permette di svolgere il proprio lavoro nel migliore dei modi.