"Zurich has obtained authorisation from the ECB to carry out banking activities in Italy"

Diana Allegretti, General Counsel of Zurich Italia, and Andrea Vitale, Head of Legal and Litigation, told Leaders League about their recent activities including the historic acquisition of Deutsche Bank Financial Advisors, while also sharing details of the company’s inclusive culture, pandemic-related management measures and sustainability initiatives.

Posted mardi, janvier 17 2023
"Zurich has obtained authorisation from the ECB to carry out banking activities in Italy"

Diana, retrace the career path that led you to become general counsel of Zurich Italia?

Diana Allegretti: I started my career in large international firms, including Baker McKenzie in the Netherlands and later Linklaters, dealing mainly with private equity and capital markets. Then I decided to continue my career in-house first as head of corporate affairs and secretary of the board of directors of DeA Capital S.p.A. and later as general counsel of Zurich Italia. In my decision to move to the Zurich Group, the fact that they had projects of an international nature and were a very structured group proved decisive.

Would you recommend a mixed career to a young professional?

D.A.: In my case, the mixed career has undoubtedly been a facilitator for a successful path and has been extremely motivating. Equally important is international experience thanks to which one acquires a flexibility that allows one to manage relationships with very different interlocutors. This was fundamental for my transition to the role of General Counsel which, given the complexity of the issues to be handled, requires the fundamental ability to adapt to different situations and stakeholders. Moreover, it is a role whose managerial component is very important. Currently, my in-house team consists of 16 professionals, myself included.

Andrea Vitale: After a brief experience in law, I entered the insurance world in 2003, qualifying as a lawyer once I was in-house; I have now been with Zurich since 2010. In the course of my professional experience, I have moved from very technical roles, for example carrying out underwriting activities, to more wide-ranging operations such as extraordinary M&A. The company and the market have changed a lot over the years and being able to experience the different phases from different perspectives is very useful as well, in order to be able to provide the most business-oriented legal support possible.

Zurich Insurance has just announced the historic acquisition of Deutsche Bank Financial Advisors. How did the deal come about?

D.A.: Zurich and Deutsche Bank have had an ongoing partnership for several years for the distribution of insurance products through the banking network, mainly life products. The transfer of Deutsche Bank’s Financial Advisors business unit involved us in an all-encompassing and extremely challenging way. It was a very complex operation, although my team was strengthened with the addition of new lawyers, in particular, Francesco Alteri, a former BonelliErede lawyer and in-house lawyer, was instrumental in the success of the operation and has now taken on the role of head of legal and corporate affairs at Zurich Bank.

What precedent did the deal set for the insurance sector?

D.A.: As part of the Bank of Italy's authorization process, Zurich Bank obtained authorization from the ECB to carry out banking activities. This was a major coup for Zurich, of which we are proud. Zurich Bank, a wholly owned subsidiary of the Swiss parent company, is part of an innovative project that puts the customer at the center of a system of financial and insurance services designed to protect and increase wealth. Legal support and supervision will be indispensable and central to this.

You also recently announced the sale of part of your life portfolio to Gamalife. Can you tell us more about the operation?

A.V.: The transaction is in line with our strategy of rebalancing our life business and is consistent with the creation of our own banking channel. With the conclusion of the transaction, we have sold a significant part of our life portfolio composed mainly of traditional policies; this will allow Zurich to focus its offer even more on innovative solutions through unit-linked, hybrid and protection products, in line with the strategic vision adopted to date. The transaction, the first of its kind in Italy, was concluded in such a way as not to create discontinuity with both customers and distributors.

What were the biggest challenges of the pandemic and how did you respond?

A.V.: Specific guidelines were promptly created to manage the extraordinary, which turned out to be a success. Our office was confronted with new issues, such as management of claims arising from a pandemic event, focusing on the substantial protection of our clients and considering, especially for companies, the need for business continuity. We also adapted quickly to remote distribution, as many distribution channels (agencies, banks) were not objectively accessible to customers. We took the opportunity to accelerate the change already underway by dematerialising and simplifying customer experience processes.

D.A.: The biggest managerial challenge was certainly to keep team morale high, but we were fortunate to find ourselves extremely well prepared in terms of technology and work organisation. Zurich introduced smart-working in 2015, playing a role as a pioneer in our market by offering a hybrid way of working and thismade it possible to implement 100% smart-working when Covid struck. Once the most critical moment of the emergency was over, we maintained a mixed model, with working time split between smartworking (60%) and onsite presence (40%), calculated on an annual basis.

What is your approach to sustainability?

A.V.: Zurich has a consistent approach at the international level, but we have also undertaken activities at local level by making life insurance policies available to our customers the innovative Zurich World Carbon Neutral Equity Fund, the insurance industry's first carbon neutral unit-linked fund. In addition, we are working on various parametric hedging solutions, with the aim of also innovating insurance in areas such as renewable energy and agriculture.

D.A.: Regarding the energy crisis, as an executive team we are working on solutions that allow us to have as little impact as possible, trying to do our part. The company is in line with the goal of reducing emissions and the impact on the environment in general. For example, all executive cars are hybrids. Even in the selection of our suppliers, including external law firms, the verification of sustainability parameters is central.

How is work/life balance managed in the company?

A.V.: The work/life balance is a distinctive and indispensable element within the company. Zurich’s culture is undoubtedly inclusive and our team is one of the most proactive. Initiatives include not only a focus on inclusive language, but also providing paternity leave that is longer than the legal requirement, participation in gay pride events, team-building opportunities with activities to protect the environment and social initiatives for NEETs - young people who are not studying or working. We are also active in pro bono activities, putting our legal skills to work for those most in need of them.

D.A.: As a legal team, we also have a global strategy. Our mission can be summarized by the following words: enable, create, protect, together; our mandate is to enable Zurich to achieve its strategic and business objectives, to create pragmatic solutions together and to protect Zurich from legal and reputational risk. To do this, the legal function works together as a team and, as in all teams, it is essential to focus on the well-being of employees and colleagues.

 

Zurich ha ottenuto dalla BCE l’autorizzazione all’esercizio dell’attività bancaria in Italia.”

 

Diana Allegretti, General Counsel di Zurich Italia, e Andrea Vitale, Head of Legal and Litigation, hanno raccontato a Leaders League le attività che li hanno visti coinvolti di recente tra cui la storica acquisizione di Deutsche Bank Financial Advisors, condividendo anche la cultura inclusiva dell’azienda, la gestione delle criticità legate alla pandemia e le iniziative di sostenibilità.

 

Diana, qual è stato il percorso di carriera che l’ha portata ad essere General Counsel di Zurich Italia?

Diana Allegretti - Ho iniziato la mia carriera in grandi studi internazionali, tra i quali Baker McKenzie in Olanda e successivamente Linklaters, occupandomi principalmente di Private Equity e Capital Markets. A seguire ho deciso di proseguire la mia carriera in-house prima come Responsabile Corporate Affairs e Segretario del Consiglio di Amministrazione di DeA Capital S.p.A. e dopo come General Counsel di Zurich Italia. Nella decisione di passare al gruppo Zurich sono state determinanti le progettualità di un gruppo internazionale e molto strutturato.

Consigliereste una carriera mista ad un giovane professionista?

D.A. – Nel mio caso la carriera mista è stata senza dubbio un facilitatore per un percorso di successo ed è stata estremamente motivante, altrettanto importante è l’esperienza internazionale grazie alla quale si acquisisce una flessibilità che consente di gestire relazioni con interlocutori molto diversi. Questo è stato fondamentale per il mio passaggio al ruolo di General Counsel che, vista la complessità delle questioni da trattare, richiede la fondamentale capacità di sapersi adattare ai diversi contesti e stakeholders. Peraltro è un ruolo la cui componente manageriale è molto importante. Al momento la mia squadra di in-house è composta da 16 professionisti, me compresa.

Andrea Vitale – Dopo una breve esperienza forense, sono entrato nel mondo assicurativo nel 2003, abilitandomi alla professione forense una volta in azienda; ora sono in Zurich dal 2010. Nel corso della mia esperienza professionale sono passato da ruoli molto tecnici, svolgendo ad esempio attività di underwriting, ad operazioni di più ampio respiro come quelle straordinarie di M&A. L’azienda e il mercato sono cambiati molto nel corso degli anni e poter vivere le diverse fasi anche da diverse prospettive è molto utile per poter fornire un supporto legale il più possibile business oriented.

Zurich Insurance ha appena annunciato la storica acquisizione di Deutsche Bank Financial Advisors. Come è nata l’operazione?

D.A.: Zurich e Deutsche Bank hanno una partnership in corso da diversi anni per la distribuzione dei prodotti assicurativi tramite la rete bancaria, principalmente si tratta di prodotti vita. L’operazione di trasferimento del ramo di azienda di Deutsche Bank dei Financial Advisors ci ha impegnato in modo totalizzante ed estremamente stimolante. Si è trattato di un’operazione molto complessa e la mia squadra ha avuto modo di rafforzarsi con l’inserimento di nuovi legali. In particolare, Francesco Alteri, ex avvocato di BonelliErede e già legale in-house, è stato determinante per il successo dell’operazione e oggi ha assunto il ruolo di Head of Legal and Corporate Affairs di Zurich Bank.

Quali sono le particolarità che rendono questo accordo un importante precedente per tutto il settore assicurativo?

D.A.: Nell’ambito del procedimento autorizzativo della Banca d’Italia, Zurich Bank ha ottenuto dalla BCE l’autorizzazione all’esercizio dell’attività bancaria. Questo è un grande successo per Zurich che ci rende particolarmente orgogliosi anche in termini di risultati per la country. Zurich Bank, interamente controllata dalla capogruppo svizzera, è parte di un progetto innovativo che vede il cliente al centro di un sistema di servizi finanziari e assicurativi nati con finalità di proteggere e accrescere il patrimonio. Il supporto e il presidio legale saranno indispensabili e centrali in tal senso.

Avete recentemente annunciato anche la vendita di parte del portafoglio vita a Gamalife. Potete dirci di più dell’operazione?

A.V.: L’operazione è in linea con la nostra strategia di ribilanciamento del nostro business vita ed è coerente e con la creazione di un proprio canale bancario. Con la conclusione dell’operazione è stata ceduta una parte significativa del portafoglio vita composto principalmente da polizze tradizionali; ciò consentirà a Zurich di incentrare ancor più la propria offerta su soluzioni innovative tramite prodotti unit linked, ibridi e di protection, coerentemente alla visione strategica adottata ad oggi. L’operazione, la prima di questo tipo in Italia, si è conclusa in modo da non creare discontinuità sia verso i clienti che verso di distributori.

Quali sono state le maggiori sfide del periodo della pandemia e come avete risposto?

A.V.: Sono state create prontamente delle linee guida specifiche per gestire la straordinarietà che si sono rivelate essere un successo. Il nostro ufficio si è confrontato con temi nuovi, quali la gestione dei sinistri derivanti da un evento pandemico, concentrandoci in ottica di protezione sostanziale dei nostri clienti e considerando, soprattutto per le aziende, le esigenze di continuità del business. Ci siamo adattati velocemente anche alla distribuzione a distanza, dato che molti canali distributivi (agenzie, banche) non erano oggettivamente accessibili dai clienti. Abbiamo colto l’occasione per accelerare il cambiamento già in corso, dematerializzando e semplificando i processi della customer experience.

D.A.: La più importante sfida manageriale è stata sicuramente quella di tenere alto il morale del team, ma abbiamo avuto la fortuna di trovarci estremamente preparati sotto il profilo tecnologico e dell’organizzazione del lavoro. Zurich ha introdotto lo smartworking nel 2015 svolgendo un ruolo da pioniere nel nostro mercato offrendo una modalità di lavoro ibrido e questo ha permesso dal 2020, con l’emergenza Covid, di implementare lo smart working al 100%. Una volta concluso il momento più critico dell’emergenza, abbiamo mantenuto un modello misto, con la ripartizione del tempo lavorativo tra smartworking (60%) e presenza in sede (40%), calcolata su base annua.

Qual è il vostro approccio alla sostenibilità?

A.V.: Zurich ha un approccio coerente a livello internazionale, ma abbiamo intrapreso anche attività a livello locale mettendo a disposizione dei nostri clienti delle polizze vita l’innovativo Zurich World Carbon Neutral Equity Fund, il primo fondo unit linked carbon neutral del settore assicurativo. Inoltre, stiamo lavorando a diverse soluzioni di coperture parametriche, con lo scopo di innovare anche l’approccio delle assicurazioni in settori quali le energie rinnovabili e l’agricoltura

D.A.: Per quanto riguarda la crisi energetica, come executive team lavoriamo su soluzioni che ci consentano di avere il minor impatto possibile, cercando di fare la nostra parte. L’azienda è in linea con l’obiettivo di ridurre le emissioni e l’impatto ambientare in generale. Ad esempio, tutte le auto dei dirigenti sono ibride. Anche nella selezione dei nostri fornitori, tra i quali gli studi legali esterni, la verifica dei parametri di sostenibilità è centrale.

Come viene gestito il work/life balance nell’azienda?

A.V.: Il worklife balance è un elemento distintivo e imprescindibile all’interno dell’azienda. La cultura di Zurich è senza dubbio inclusiva e il nostro team è uno dei più propositivi. Fra le iniziative intraprese vi sono non solo una particolare attenzione all’inclusività del linguaggio, ma anche il riconoscimento del congedo di paternità più ampio di quello di legge, la partecipazione alle manifestazioni del gay pride, occasioni di team building con attività a tutela dell’ambiente e di iniziative sociali a favore di NEET – giovani che non studiano o non lavorano. Siamo attivi anche sulle attività pro bono, mettendo le nostre competenze legali a favore di chi ha più bisogno.

D.A.: Come team legale, inoltre, abbiamo una strategia globale. La nostra mission si riassume in Enable, Create, Protect, Together; abbiamo infatti il mandato di consentire a Zurich di raggiungere i suoi obiettivi strategici e commerciali, di creare insieme soluzioni pragmatiche e di proteggere Zurich dai rischi legali e reputazionali. Per fare questo la funzione legale opera insieme come un'unica squadra e come in tutte le squadre è fondamentale focalizzarci sul benessere di collaboratori e colleghi.