“To those I mentor I say, 'Embrace the challenges: from there you will thrive'.

Liuma Alessia Casaccia, Head of Legal Affairs and Country Counsel HP Italy, started her career as a lawyer, before moving to a major player in the oil&gas and energy sector as in-house counsel and joining the technology giant in 2020. The company is a world leader in technology, at the forefront of product and service offerings, and sustainability. Dedicated to training and sharing activities, Liuma highlighted the importance of the enrichment provided by the interaction between professionals through internal and external activities. She also spoke to Leaders League about the development opportunities that HP has seized in the hybrid work trend, also following the acquisition of Poly, as well as the strategic role of the legal department.

Posted jeudi, novembre 16 2023
“To those I mentor I say, 'Embrace the challenges: from there you will thrive'.

[ITA BELOW]

Liuma, can you tell us a bit about your career path?

I graduated from the State University of Milan in October 2002 with a thesis on industrial law and then did two years of legal practice in a boutique firm focused on the same subject. I then worked for Freshfields Bruckhaus Deringer dealing with IP and IT. During this period, I did a secondment at H3G, a company I continued to work with as an external advisor once I left Freshfields. In 2009, I was hired by Shell, where I remained for 10 years. Initially, as Senior Legal Counsel Retail, I was in charge of managing the downstream area, which at the time included around 1,000 service stations.
From 2015, I started to take care of the Oil Products, Global Solutions and Gas & Power area, a role thanks to which I was selected for an international assignment at company headquarters in London. I was then able to gain international experience at Shell Trading & Shipping Company, where I spent a year and a half. After that, I continued to be the focal point for Gas, Power and Environmental Products for both Italy and the UK. After 10 years at Shell, I felt it was time for me to embrace a new challenge and change sectors: since June 2020 I have held the position of Head of Legal and Country Counsel at HP Italy.

Can you tell us more about HP, one of the world's technology leaders?

HP is a global technology leader that offers a wide range of innovative and sustainable solutions and products for personal computing, printing and hybrid work. It is one of the few multinational tech companies to have its roots in the last century, conceived, as it was, by Bill Hewlett and Dave Packard, two engineering students from Stanford University. Hewlett Packard started life in 1939 as a so-called 'garage company' with an initial capital of $538. The first product was the Model 200A audio oscillator and one of the first customers was Walt Disney Studios: with HP, what we have come to know as Silicon Valley was born. Headquartered in Palo Alto, today, HP Inc. is present in over 170 countries in the whole world, ranks number 59 on the Fortune 100 and has over 50,000 employees.

"HP is present in is present in over 170 countries in the whole world, ranks number 59 in the Fortune 100 and has over 50,000 employees." 

What do you do at the company?

I deal with a great number of activities. I develop and lead the local corporate legal strategy, assisting the CEO and the board with management and governance obligations and responsibilities. I also help the commercial organisation analyse and identify the risks associated with corporate transactions, as well as provide support on a wide range of subjects from contractual matters to Country Compliance. In addition, I act as a member of the Country Governance Team, report on legal activities, risks and responsibilities to Global Legal Affairs, manage external consultants and their budgets, and also take care of the company secretariat. As Head of Legal Affairs and Country Counsel for Italy, I am part of a broader international team in South Europe, that includes France, Spain and Portugal, which, in turn, is part of the larger SEMA (South Europe, Middle East & Africa) region, and I report to the Associate General Counsel. Between the legal departments there is a lot of collaboration and great discussion, which includes sharing business strategies and examining new and thorny issues.

You are also involved in activities related to the corporate law profession. Can you tell us about this?

I am a great believer in training activities and I am proud to be part of the teaching staff of the specialisation school for corporate lawyers set up by AIGI together with Just Legal Services. I frequently share my experience by participating in industry meetings. These are very interesting opportunities allowing professionals with different levels of seniority and from different sectors to exchange ideas. Among all of them, I am pleased to mention my participation in the Women Affinity Network, an independent community founded by lawyer Marilena Hyeraci that brings together to date about 200 people, all united by a common value, real sensitivity on D&I issues; and the recent inclusion in the Lady Lab group, a group of women engaged in different fields of activity who meet to discuss different issues and to stimulate lateral thinking, creativity and increase skills. In June 2023, I presented an event dedicated to about 250 HP partners by moderating a round table dedicated to the SME world. In July, I participated as a speaker at the Leaders League Alliance Summit in Paris, an international event with around 600 participants, where I had the honour of opening proceedings as a keynote speaker and also got to participate in the panel discussion entitled "Laws of Attraction: Attracting & Retaining Top Talent."
I believe in the importance of activities of this kind because they provide an opportunity to continue to study, prepare and enrich oneself with fresh content. On these occasions one learns a lot from the way others present themselves, one learns how to tailor messages to a target audience, strengthen one's self-confidence, as well as gain exposure and expand one's professional network. In our profession, technical skills are not enough, because, when called upon to contribute strategically to the development of a business, the importance of overcoming obstacles is crucial. To those I mentor I say 'embrace challenges and you will thrive': when something creates adversity, or even just annoyance, use it as an opportunity to activate a process of evolution: 'from there you will thrive'.

"In our profession, technical skills are not enough, because being called upon to contribute strategically to business development, the importance of confrontation is fundamental."

The tech sector is advancing at an ever-faster pace. How is HP keeping up?

An important current direction is one related to hybrid work, which has placed new demands on technology. The pandemic has accelerated a process that would have happened in any case, as a result of work no longer being confined to a physical office. HP has created innovative solutions, services and products for the post-pandemic age. One example is related to the cyber security of devices wherever one works. Other requirements relate to “collaboration” between people working remotely; regardless of where they are thanks to HP technology capable of supporting quality communications.

And what about Italy?

In the group we generally work on the same issues, regardless of the region where one is based. At an organisational level, Italy is part of the SEMA geographical area - South Europe, Middle East and Africa. The Italian office is mainly commercial and we have two locations, one in Cernusco sul Naviglio (MI) with a 600 square metre Innovation Centre, and one in Rome.

You were talking earlier about services offered by HP, can you give me some examples?

To the offer of products and solutions, HP adds a portfolio of services focused on these four areas: workplace computing, document & printing, communication & collaboration, and security, with the aim of supporting the new needs of the hybrid world. I would like to cite the example of HP Instant Ink, a service dedicated to consumers and small businesses, through which they can receive ink directly to their homes before their cartridges run out.

In 2022, HP announced the acquisition of Poly, a leading global provider of workplace collaboration solutions. What developments have occurred since?

This acquisition is in line with HP's strategic objective of creating a more growth-oriented portfolio, focusing on devices and services that aim to facilitate and harmonise hybrid work. In fact, Poly offers innovative video conferencing solutions, as well as cameras, and headsets. This allows HP to offer a complete ecosystem of devices, software and digital services that enhances the experience and productivity of the workforce and provides users with better visibility, manageability and security in a hybrid working environments.
From a strictly legal perspective, the local acquisition of Poly's business was handled personally by my team and I.

"The acquisition is in line with HP's strategic objective of creating a more growth-oriented portfolio, focusing on devices and services that aim to facilitate and harmonise hybrid work."

What is your approach to sustainability?

For us, sustainability is a very important issue, which has been part of HP's "core value" since 1957. Today, sustainability in HP revolves around three fundamental pillars: "Climate Action", "Human Rights" and "Digital Equity". More information can be found in the "Sustainability Report" update on the achievements of 2022, but to give a few examples, with reference to "Climate Action" I can mention a 55% reduction (as of 2018) with respect to the goal of eliminating 75% of packaging made of single-use plastic by 2025; with reference to "Digital Equity", HP's goal is to facilitate access to education for those who do not have the resources or the possibilities. The goal is to contribute to the digital equity of 150 million people by 2030. To date, 21.3 million people have benefited.

Which company initiatives are you particularly proud of?

Our company is very proactive about volunteering initiatives: we are allowed to use four hours a month of extra leave for volunteering purposes. In 2022 I had a very fulfilling experience: I was a dream coach for the Junior Achievement project, a non-profit organisation HP partners with dedicated to the economic and entrepreneurial education of young people. As part of the project, we dream coaches organised meetings, either face-to-face or virtual, with high school students in order to help them develop business projects by setting up mock companies, taking care of their management, from the conception to launch on the market.

 

“Ai miei mentee dico: “Embrace the challenges: from there you will thrive”.

 

Liuma Alessia Casaccia, Head of Legal Affairs and Country Counsel di HP Italy, ha iniziato la sua carriera come avvocato libera professionista, per poi dedicarsi alla carriera in-house in  un importante player del settore oil&gas ed energy  e raggiungere, infine, il colosso della tecnologia nel 2020. L’azienda è leader mondiale della tecnologia, all’avanguardia sull’offerta di prodotti e servizi, e sulla sostenibilità. Dedita alle attività di formazione e condivisione, Liuma ha evidenziato l’importanza dell’arricchimento dato dall’interazione fra professionisti grazie ad attività interne ed esterne alla realtà aziendale. Ha inoltre parlato a Leaders League delle opportunità di sviluppo che HP ha colto nel trend del lavoro ibrido, anche in seguito all’acquisizione di Poly, nonché del ruolo strategico dell’ufficio legale.

 

Liuma, ci racconta un po’ del suo percorso professionale?

Mi sono laureata all’Università Statale di Milano nell’ottobre 2002 con una tesi in diritto industriale, per poi svolgere due anni di pratica forense in uno studio boutique focalizzato sulla stessa materia. Successivamente ho lavorato per lo studio Freshfields Bruckhaus Deringer occupandomi di IP e IT. Durante questo periodo, ho svolto un periodo di secondment in H3G, azienda con cui ho continuato a collaborare da risorsa esterna una volta lasciato Freshfields. Nel 2009 sono stata assunta da Shell, dove sono rimasta per 10 anni. Inizialmente, in qualità di Senior Legal Counsel Retail, mi occupavo della gestione dell’area del downstream, che all’epoca contava circa mille stazioni di servizio. Dal 2015 ho iniziato ad occuparmi dell’area Oil Products, Global Solutions e Gas & Power, ruolo grazie al quale sono stata selezionata per un international assignment nell’headquarter di Londra. Ho potuto così fare un’esperienza internazionale in Shell Trading & Shipping Company, dove ho passato un anno e mezzo. In seguito, ho continuato ad essere il focal point per Gas, Power and Environmental Products sia per l’Italia che per il Regno Unito. Dopo 10 anni in Shell, sentivo che era arrivato per me il momento di abbracciare una nuova sfida e cambiare settore: da giugno 2020 ricopro la posizione di Head of Legal e Country Counsel di HP Italy.

Può dirci di più di HP, uno dei leader mondiali del settore della tecnologia?

HP è un leader e player globale di tecnologia che offre una vasta gamma di soluzioni e prodotti innovativi e sostenibili per il personal computing, il printing e l’hybrid work. Si tratta di una delle poche multinazionali che affonda le proprie radici nel secolo scorso, ideata da Bill Hewlett e Dave Packard, due studenti di ingegneria della Stanford University. L’azienda è nata nel 1939 come una cosiddetta “garage company” ed un capitale iniziale di 538 dollari. Il primo prodotto è stato il Model 200A audio oscillator e, uno fra i primi clienti è stato Walt Disney Studios: con HP è nata la Silicon Valley come la conosciamo oggi.
In questo momento HP Inc. è presente in oltre 170 paesi nel mondo, si colloca al numero 59 della Fortune 100 e conta oltre 50.000 dipendenti, con headquarter a Palo Alto.

HP è presente in 170 paesi distribuiti su tutti i continenti, si colloca al numero 59 della Fortune 100 e ha oltre 50.000 dipendenti.”

Di cosa si occupa all’interno dell’azienda?

Io mi occupo di un importante numero di attività. Sviluppo e guido la strategia legale aziendale locale, assistendo l'amministratore delegato e la direzione generale negli obblighi e responsabilità di direzione e di governance. Mi occupo, altresì, di supportare la “commercial organization” nell’analisi e identificazione dei rischi delle transazioni aziendali, nonché del supporto su un ampio spettro di materie che spaziano dalla contrattualistica alla Country Compliance. Inoltre, agisco come membro del Country Governance Team, riferisco sulle attività legali, sui rischi e sulle responsabilità al Global Legal Affairs, gestisco i consulenti esterni con il relativo budget e mi occupo altresì della segreteria societaria.
In qualità di Head of Legal Affairs e Country Counsel per l’Italia, faccio parte di un più ampio team internazionale dell’area South Europe che comprende la Francia, la Spagna e il Portogallo. Che, a sua volta, fa parte della più grande area SEMA (South Europe, Middle East & Africa) e riporto all’Associate General Counsel. Fra gli uffici legali c’è molta collaborazione e grande confronto, con condivisione delle strategie di business e delle tematiche nuove e spinose.

Lei è impegnata anche in attività affini alla professione del giurista d’impresa. Può parlarcene?

Credo molto nell’attività di formazione e sono orgogliosa di far parte del corpo docente della scuola di specializzazione per giuristi di impresa costituita da AIGI insieme a Just Legal Services. Di frequente condivido la mia esperienza partecipando ad incontri di settore. Si tratta di interessantissime opportunità di confronto fra professioniste dalle diverse seniority e provenienti dai diversi settori. Tra tutte mi fa piacere menzionare la mia partecipazione al Women Affinity Network una community indipendente fondata dall’avv. Marilena Hyeraci che riunisce ad oggi circa 200 persone, tutte accomunate da un valore comune, la sensibilità reale sui temi D&I; e la recente inclusione nel gruppo Lady Lab, gruppo di donne impegnate in diversi settori di attività che si incontrano per confrontarsi su tematiche diverse e per stimolare il pensiero laterale, la creatività e accrescere le competenze. A giugno 2023 ho presentato l’evento dedicato a circa 250 partner di HP moderando una tavola rotonda dedicata al mondo delle PMI. Lo scorso luglio ho partecipato come speaker al Leaders League Alliance Summit a Parigi, un evento internazionale con circa 600 partecipanti, dove ho avuto l’onore di aprire i lavori come key note e, altresì di partecipare alla tavola rotonda in tema di “Law of Attraction: Attracting & Retaining Top Talent.”
Credo nell’importanza di attività di questo tipo perché offrono l’opportunità di continuare a studiare e prepararsi e arricchirsi di contenuti. In queste occasioni si impara molto dal modo in cui gli altri si pongono, si impara a indirizzare i messaggi rivolti all’audience, rafforzare la propria self-confidence, nonché di acquisire visibilità e ampliare il network. Nel nostro mestiere le competenze tecniche non bastano, poiché essendo chiamati a contribuire in maniera strategica allo sviluppo del business, l’importanza del confronto è fondamentale. Ai miei mentee dico “embrace the challenges”: tanto più qualcosa crea una difficoltà, una sorta di fastidio, tanto più può essere la giusta occasione per attivare un processo di evoluzione: “from there you will thrive”.

Nel nostro mestiere le competenze tecniche non bastano, poiché essendo chiamati a contribuire in maniera strategica allo sviluppo del business, l’importanza del confronto è fondamentale.”

Il settore della tecnologia si muove sempre più velocemente. In che modo HP sta affrontando le nuove esigenze?

Un’importante direttrice attuale è quella relativa all’hybrid work, che fa emergere nuove esigenze legate alla fruizione della tecnologia. La pandemia ha accelerato un processo che sarebbe avvenuto in ogni caso, per effetto del quale il perimetro lavorativo non è più quello dell’ufficio tradizionale. HP si è mossa da qui per creare soluzioni, servizi e prodotti innovativi. Un esempio è quello legato alla cyber sicurezza dei dispositivi, ovunque si lavori. Altre esigenze sono quelle relative alla ‘collaboration’, ossia una collaborazione‘ in remoto’ fra i lavoratori, indipendentemente da dove si trovino e grazie a una tecnologia in grado di supportare la qualità delle comunicazioni.

E per quanto riguarda l’Italia?

Nel Gruppo si lavora, generalmente, sulle stesse tematiche. A livello organizzativo, l’Italia fa parte dell’area geografica SEMA – South Europe, Middle East and Africa. L’ufficio italiano è principalmente commerciale e abbiamo due sedi, una a Cernusco sul Naviglio (MI) con un Innovation Center di ben 600 metri quadri, e una a Roma.

Prima mi parlava di servizi offerti da HP, mi può fare qualche esempio?

All’offerta di prodotti e soluzioni, HP aggiunge un portafoglio servizi incentrati su queste quattro aree: workplace computing, document & printing, communication & collaboration, cybersecurity, con l’obiettivo di supportare le nuove esigenze del mondo ibrido.
Vorrei citare l’esempio di HP Instant Ink, un servizio dedicato ai consumatori e piccole imprese, tramite cui è possibile ricevere l’inchiostro direttamente a casa prima che si esauriscano le cartucce.

Nel 2022 HP ha annunciato l’acquisizione di Poly, fornitore leader mondiale di soluzioni di collaborazione sul posto di lavoro. Qual è stata l’evoluzione successiva?

L’acquisizione è in linea con l’obiettivo strategico di HP di creare un portafoglio più orientato alla crescita, concentrarsi su dispositivi e servizi che abbiano lo scopo di facilitare e armonizzare il lavoro ibrido. Infatti, Poly offre soluzioni innovative di videoconferenza, nonché telecamere, e headset. Questo permette ad HP di proporre un ecosistema completo di dispositivi, software e servizi digitali che migliora l’esperienza e la produttività della forza lavoro e fornisce agli utilizzatori una migliore visibilità, gestibilità e sicurezza negli ambienti di lavoro ibridi.
Sotto il profilo strettamente legale, l’acquisizione locale del ramo di azienda di Poly, è stata gestita personalmente da me e dal mio team.

L’acquisizione è in linea con l’obiettivo strategico di HP di creare un portafoglio più orientato alla crescita, concentrarsi su dispositivi e servizi che abbiano lo scopo di facilitare e armonizzare il lavoro ibrido.”

Qual è il vostro approccio alla sostenibilità?

Per noi la sostenibilità è un tema molto importante, che fa parte dei “core value” di HP fin in dal 1957. Oggi la sostenibilità in HP ruota attorno a 3 pilastri fondamentali: “Climate Action”, “Human Rights” e “Digital Equity”. Maggiori informazioni possono essere riperite nel "Sustainability Report! di aggiornamento sui traguardi raggiunti rispetto all'anno precedente - 2022 - ma per fare qualche esempio, con riferimento al “Climate Action” posso menzionare un 55% di riduzione (a partire dal 2018) rispetto all’obiettivo di eliminare il 75% di imballaggi realizzati con plastica mono-uso entro il 2025; con riferimento alla “Digital Equity”, HP ha come obiettivo quello di facilitare la possibilità di accesso all’istruzione per chi non ha le risorse o le possibilità. L’obiettivo è quello di contribuire alla equità digitale di 150 milioni di persone entro il 2030. Ad oggi sono state raggiunte 21.3M di persone.  

Quali sono le iniziative aziendali di cui andate particolarmente orgogliosi?

La nostra società è molto propositiva sulle iniziative di volontariato: ci è concesso utilizzare quattro ore al mese di permesso extra per volontariato. Nel 2022 ho fatto un’esperienza molto costruttiva: sono stata dream coach del progetto Junior Achievement, organizzazione non profit dedicata all’educazione economico imprenditoriale dei più giovani, che ha una collaborazione a livello internazionale con HP. Come parte del progetto, noi dream coach abbiamo organizzato degli incontri, in presenza o virtuali, con gli alunni delle scuole superiori al fine di aiutarli nell’elaborazione di progetti di business che li hanno visti protagonisti della costituzione di mini-imprese a scopo formativo, curandone la gestione, dal concept di un’idea al suo lancio sul mercato.