Luca Campitelli (Compliance Manager and Responsible for Antitrust): Compliance at Ferrari, a global company with an Italian soul

Luca Campitelli, compliance manager and responsible for antitrust compliance at Ferrari, tells Leaders League about his journey to Maranello, the opportunities and challenges for the group, and the privilege of working for a company “that needs no introduction.”

Posted jeudi, septembre 29 2022
Luca Campitelli (Compliance Manager and Responsible for Antitrust): Compliance at Ferrari, a global company with an Italian soul

[Italian version below]

Leaders League: What was the path that led you here?

Luca Campitelli: After graduating from the University of Trento, my career path was a mix of both in-house and outside counsel experience. The first important stop was at Dentons, where I spent a year working at both the Milan and Rome office. I was part of the Antitrust & Competition department headed by Michele Carpagnano and worked both in and out of court, assisting multinationals from a range of industries. I continued my career at Pirelli, dealing with Compliance at 360°, and was fortunate enough to get to travel around the world and work on projects that spanned multiple jurisdictions, before joining Ferrari in 2019. The opportunity came out of the blue and there was no turning it down.

What are the advantages of freelancing before embarking on an in-house career?

In my case, not only did my experience at the firm give me the opportunity to delve into a field generally considered niche, such as antitrust, but it taught me how to work under pressure without losing my attention to detail. Having experienced the two sides of the profession, i.e. that of the external consultant and that of the in-house counsel, allows me to assess each matter from a dual perspective and this is certainly a big plus as far as I am concerned. To any professional who has the opportunity, I wouldn’t hesitate to advise them to try out both guises and to continue with the one they feel is more their style.

How is Ferrari's compliance department structured?

Our compliance department covers all matters typically related to the so-called compliance programmes, including antitrust, further than, by way of example, anticorruption and privacy. Initially, the team was a subdivision within the legal affairs department, under the responsibility of the general counsel. Following a group-wide reorganization at the beginning of 2022, our department became autonomous and independent in all respects, and now reports directly to the CEO. As compliance manager, I report to Sabina Fasciolo, group Chief Compliance Officer, who is part of the Ferrari Leadership Team. Furthermore, last September, within the framework of the establishment of an antitrust compliance programme in line with the guidelines of the Italian Competition Authority, I was appointed group antitrust compliance officer. The team is well structured and made up of 5 people based in Maranello.

What are the biggest challenges for your team?

Ferrari is a very challenging company because it encompasses several identities such as industrial, racing and lifestyle, while at the same time retaining many of the characteristics typical of the automotive and luxury sectors. This inevitably has an impact on the activities and compliance risks we have to deal with and is a constant challenge for us. The biggest aspect of this challenge remains protecting our brand, which is the essence of Ferrari’s success.

Within the team, we bring together different competences and support all internal functions; we tend to outsource individual activities only when strictly necessary. More generally, within the group, the business departments are highly results-oriented and are always looking for innovative projects, an approach that naturally has repercussions for the entire company and also for control functions such as ours. Some examples are the very recent launch of the Ferrari Purosangue, or the creation of the first fully electric model, planned for 2025.

Ferrari is a very exciting company because it encompasses different identities while retaining the typical characteristics of the automotive and luxury sectors

What CSR issues does your department deal with and what future developments can we expect?

As a compliance department, we work hand-in-hand with the Sustainability and Purchasing departments, on projects involving compliance with specific industry regulations, such as the Conflict Minerals’ Regulation, and more generally in carrying out activities to ensure the integrity of our supply chain, according to ethical, compliance and sustainability criteria. In terms of future developments, given the increasing focus on CSR issues and in view of the recent and forthcoming measures taken at EU level, I personally expect to see an increased level of collaboration between the compliance and sustainability teams at Ferrari. More broadly speaking, in some companies I envisage the development of a formal ESG compliance area that encompasses all cross-functional aspects between the two areas, starting with the traditional supplier due diligence activities, which will have an increasingly broad spectrum in the near future.

How does Ferrari manage to combine its global reach with its Italian roots?

Despite being a world leader in the auto industry, Ferrari remains firmly rooted in the land of its birth. We around 4,600 employees worldwide, including 57 different nationalities. Individual car components are sometimes purchased from foreign companies, but Maranello is the production center for the entire group. Every single Ferrari is made in Italy. The town and the entire surrounding area have developed thanks to the company, which in turn maintains a strong relationship with the local community. The cars are designed at our Maranello facility and this is where they are manufactured - from the foundry to the painting technology area: the soul of the company resides here: Ferrari is Maranello and Maranello is Ferrari.

Car components may come from all over the world, but the soul of Ferrari is in Maranello

Sum up what it means to work for a company that is synonymous with Italian excellence?

I feel very lucky to work for a company that needs no introduction. The credit goes to our founder Enzo Ferrari, his courageous choices and the incredible strength of his ideas. When I enter or leave the offices in Maranello, I always see people taking pictures of the entrance, which is known as 'the door from which dreams come out'. Ferrari is a potent symbol of Italy with an aura all of its own and to work here is a true privilege.

 

La compliance in Ferrari, un’azienda globale dall’anima italiana

 

Luca Campitelli, Compliance Manager e Responsabile Compliance Antitrust di Ferrari, ha raccontato a Leaders League il suo percorso, le opportunità e le sfide del gruppo, nonché il privilegio di lavorare per un’azienda “che non ha bisogno di presentazioni.”

 

Leaders League: Qual è stato il percorso che ti ha portato fin qui?

Luca Campitelli: Dopo la laurea all’Università di Trento il mio percorso è stato misto, caratterizzato sia da esperienze in-house che come libero professionista. La prima “tappa” importante è stata in Dentons, dove ho trascorso un anno muovendomi tra la sede di Milano e quella di Roma. Facevo parte del dipartimento di Antitrust & Competition guidato da Michele Carpagnano e svolgevo la mia attività sia in ambito giudiziale che stragiudiziale, assistendo multinazionali di diverse industries. Ho proseguito il mio percorso in Pirelli per occuparmi di Compliance a 360°, avendo la fortuna di viaggiare per tutto il mondo e di lavorare su progetti che abbracciavano più giurisdizioni, prima di approdare in Ferrari nel 2019. È stata per me un’opportunità inattesa ma impossibile da rifiutare.

Quali sono stati i vantaggi di aver svolto la libera professione prima della carriera in-house?

Nel mio caso, non solo l’esperienza in studio mi ha dato l’opportunità di approfondire un settore generalmente “di nicchia” come l’antitrust, ma mi ha insegnato a lavorare sotto pressione senza perdere l’attenzione per i dettagli. L’aver sperimentato le “due facce” della professione, ovvero quella del consulente esterno e quella del legale interno, mi permette di valutare ogni questione secondo una duplice prospettiva e questo rappresenta sicuramente un grande valore aggiunto. Ad un professionista che ne ha l’opportunità, consiglierei indubbiamente di provare entrambe le “vesti” e di proseguire con quella che si sente più sua.

Come è strutturato il dipartimento di Compliance di Ferrari?

ll nostro dipartimento ricomprende tutte le materie che afferiscono tradizionalmente ai c.d. compliance programs, tra le quali rientra anche l’Antitrust, oltre ad esempio alla privacy e all’anticorruzione. Inizialmente il team era collocato all’interno del Dipartimento Affari Legali, sotto la responsabilità del General Counsel. A seguito della riorganizzazione che ha interessato tutto il gruppo all’inizio del 2022, il nostro dipartimento è diventato autonomo e indipendente a tutti gli effetti, con riporto diretto all’Amministratore Delegato. In qualità di Compliance Manager, rispondo all’Avv. Sabina Fasciolo, Chief Compliance Officer di Gruppo, che fa parte del Ferrari Leadership Team. Lo scorso settembre, inoltre, nell’ambito della costituzione dell’Antitrust Compliance Program secondo le linee guida dell’AGCM, sono stato nominato Responsabile Compliance Antitrust a livello di Gruppo. Il team è ben strutturato e composto complessivamente da 5 persone basate a Maranello.

Quali sono le maggiori sfide del vostro team?

Ferrari è un’azienda molto stimolante perché racchiude diverse anime: quella industriale, quella delle corse e quella del lifestyle e integra allo stesso tempo le caratteristiche tipiche del settore automotive e del lusso. Ciò ha inevitabilmente un impatto sulle attività e sui rischi di compliance che siamo tenuti ad affrontare e ci mette costantemente alla prova. La sfida più grande rimane quella di tutelare al massimo il nostro brand, che è l’essenza del nostro successo.

All’interno del team racchiudiamo diverse competenze e supportiamo tutte le funzioni interne; tendiamo ad esternalizzare solamente singole attività quando necessario. Più in generale, all’interno del gruppo i Dipartimenti di business sono molto orientati ai risultati e sono sempre alla ricerca di progetti innovativi, con un approccio che naturalmente ha riflessi su tutta l’azienda e anche sulle funzioni di controllo come la nostra. Alcuni esempi sono il recentissimo lancio della Ferrari Purosangue, oppure la creazione del primo modello totalmente elettrico, previsto per il 2025.

Ferrari è un’azienda molto stimolante perché racchiude diverse anime. Integra allo stesso tempo le caratteristiche tipiche del settore automotive e del lusso

Quali tematiche relative alla CSR affronta il vostro dipartimento e quali sono gli sviluppi futuri che potremmo aspettarci?

Come funzione di Compliance, collaboriamo costantemente con i dipartimenti di Sostenibilità e di Acquisti, in progetti quali la compliance a specifiche normative di settore come la Conflict Minerals’ Regulation e più in generale nello svolgere attività volte ad assicurare l’integrità della nostra supply chain, secondo criteri etici, di compliance e di sostenibilità. In termini di sviluppi futuri, data la crescente attenzione alle tematiche di CSR e in considerazione dei recenti e prossimi provvedimenti adottati a livello UE, personalmente mi aspetto una sempre maggiore collaborazione tra i Dipartimenti di Compliance e di Sostenibilità. In alcune realtà aziendali, immagino lo sviluppo di un’area strutturata di ESG compliance che inglobi tutti gli aspetti cross-funzionali tra le due aree, a partire dalle tradizionali attività di due diligence sui fornitori, che nell’immediato futuro avranno uno spettro sempre più ampio.

Come riesce Ferrari a combinare la sua presenza globale e l’attaccamento al territorio?

Nonostante sia un leader mondiale del settore, Ferrari rimane fortemente salda alle sue radici. Nel mondo ci sono circa 4600 dipendenti, appartenenti a 57 nazionalità diverse. Le singole componenti delle automobili sono talvolta acquistate da realtà estere, tuttavia Maranello è il centro produttivo dell’intero gruppo. Ogni Ferrari è made in Italy. La cittadina e tutta l’area circostante si sono sviluppate anche grazie all’azienda, che a sua volta cura le relazioni con la comunità. Nello stabilimento le macchine vengono progettate e realizzate a partire dalla fase di fonderia fino a quella della verniciatura: l’anima dell’azienda nasce qui nello stabilimento, Ferrari è Maranello e Maranello è Ferrari.

I componenti delle macchine provengono da tutto il mondo, ma l’anima della Ferrari nasce qui

Cosa vuol dire oggi lavorare per un’azienda che rappresenta l’eccellenza italiana nel mondo?

Mi sento molto fortunato a lavorare per un’azienda che non ha bisogno di presentazioni. Il merito è sicuramente del fondatore Enzo Ferrari, delle sue scelte coraggiose e della forza incredibile delle sue idee. Quando entriamo o usciamo dagli uffici di Maranello, è all’ordine del giorno vedere persone che ne fotografano l’ingresso, chiamato “la porta da cui escono i sogni”. Si tratta di un simbolo dell’Italia nel mondo dall’aura unica e lavorarci è un privilegio.